Vai al contenuto Vai al menu Vai al menu delle pagine Vai al menu di sezione
Dolomiti Unesco World Natural Hertage
Home » Ente » Carta Europea per il Turismo Sostenibile - CETS
 

Carta Europea per il Turismo Sostenibile - CETS

Europarc Federation ha comunicato all'Ente Parco l'assegnazione della Carta Europea del Turismo sostenibile, riconoscimento cui il Parco ha intensamente lavorato da circa un anno.

La cerimonia di consegna si è svolta il 7 dicembre presso la prestigiosa sede del Parlamento Europeo.

L'elemento centrale della Carta è la collaborazione tra tutti i soggetti interessati a sviluppare una strategia comune nell'ambito dello sviluppo del turismo sostenibile nel territorio dell'area protetta.

In questa prospettiva, il Parco, le istituzioni pubbliche, i soggetti dell'economia locale e le associazioni hanno deciso di lavorare insieme su progetti di sviluppo del nostro territorio, nei quali il concetto di “sostenibilità” sia al centro di nuove forme turistiche.

Il riconoscimento europeo giunge quindi al termine di un lungo e articolato percorso partecipato che ha permesso di definire - partendo da un “Rapporto diagnostico”, che fotografa la situazione turistica attuale - la strategia e il “Piano di Azione”, documento che raccoglie i progetti di cui viene prevista la realizzazione nei prossimi cinque anni.

Nei Forum e nelle riunioni di gruppo erano state redatte le 32 schede progetto che formano il Piano d'azione, con l'indicazione di obiettivi, attività e risultati attesi.

Sul piano della definizione della strategia locale un ruolo importante, nelle diverse fasi del processo, è stato svolto dalla contemporanea elaborazione del progetto TurNat (Turismo/Natura), elaborato dalla Trentino School of Management su incarico del Servizio Aree Protette e Sviluppo Sostenibile della Provincia, che definisce le linee guida strategiche provinciali in tema di sviluppo del turismo sostenibile nelle aree protette.

Dopo questa importante attestazione, ora il Parco è atteso, con gli altri soggetti territoriali coinvolti nel processo, a dare attuazione, nei prossimi cinque anni, ai progetti individuati nel Piano d'azione.