Vai al contenuto Vai al menu Vai al menu delle pagine Vai al menu di sezione
Dolomiti Unesco World Natural Hertage
Home » Biodiversità e Ricerca » Ricerche sulla Flora » Danni provocati da ungulati alla vegetazione e alla rinnovazione forestale
 

Danni provocati da ungulati alla vegetazione e alla rinnovazione forestale

In questa sezione è consultabile la documentazione relativa alla Ricerca riguardante i “danni provocati da ungulati alla vegetazione e alla rinnovazione forestale”.

La stessa è stata avviata nel 1994 dall'Ente Parco e dal Prof. Renzo Motta dell'Università degli Studi di Torino, Facoltà di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari.

Ad oggi sono 4 le campagne di monitoraggio realizzate con la stessa metodologia, l'ultima nel corso del 2014.


La foresta è un ecosistema complesso, abitato non solo da alberi ma da tante altre forme di vita, come gli ungulati e i tetraonici. Poi ci sono gli arbusti, gli insetti e tanti altri piccoli e grandi esseri viventi, ognuno con un ruolo importante nel “funzionamento” dell'ecosistema.

I boschi sono l'ecosistema più diffuso nel Parco ed interessano il 45% del territorio.

Tra gli animali più rappresentativi del Parco è il cervo ad avere un posto d'onore.

Negli ultimi decenni il numero di cervi è costantemente aumentato a causa dello spopolamento delle zone montane, dell'abbandono delle attività agricole, dell'espansione delle foreste e della stessa istituzione delle aree protette.

Ma cosa accade quando una specie rompe l'equilibrio dell'ecosistema e per qualche motivo, spesso con la complicità diretta o indiretta dell'uomo, prevale sulle altre?

Il ritorno del cervo può sembrare un processo favorevole che conferisce alla foresta una maggiore naturalità. Tuttavia, anche l'ecosistema forestale vive sul delicato equilibrio tra gli organismi che ne fanno parte. I cervidi brucano e scortecciano le giovani piante e gli arbusti, e si sfregano contro i fusti per facilitare la caduta dei palchi o per marcare il territorio.

Se il numero di cervi aumenta fino ad una soglia di non equilibrio con gli altri organismi animali e vegetali, questi ungulati possono avere un impatto fortemente negativo sulla vegetazione del sottobosco come, ad esempio, le giovani piantine di rinnovazione forestale e sugli habitat di altre specie che in questo strato vegetazionale hanno il loro spazio vitale.

Come è stato accertato dalle ricerche dell'Università di Torino, il continuo aumento del carico di cervi ha causato negli ultimi 20 anni una diminuzione della densità di rinnovazione forestale del 50% per l'abete rosso e il sorbo degli uccellatori e di oltre il 60% per l'abete bianco, una delle specie più appetite.

Il cervo è un'icona delle foreste del Parco (è rappresentato anche nel logo) e può sembrare quindi impopolare parlare di una sua regolazione numerica. Ma questa è indispensabile se si vuole conservare un ecosistema in tutte le sue componenti e non la singola specie.

L'aumento delle popolazioni di ungulati selvatici nelle foreste delle Alpi è un tema che deve essere affrontato in modo multidisciplinare, ma anche con la partecipazione e la collaborazione dei gestori delle aree protette, delle istituzioni pubbliche e delle associazioni a seconda delle diverse competenze e ruoli.